Lettera di Matthew F. Maury ad Angelo Secchi

[U. S. Naval] Observatory, Washington, 22 Sep[tember] 1856
Fondo Secchi 16, c. 559r
Archivio Pontificia Università Gregoriana, Roma

Tra i corrispondenti di Secchi, troviamo anche numerosi meteorologi, a conferma dell’interesse di Secchi per questa disciplina e dei contributi che egli diede in questo ambito. In questa lettera, il celebre meteorologo americano Maury si complimenta con Secchi per i suoi studi sul magnetismo terrestre e per l’avvio della corrispondenza telegrafica tra le stazioni meteorologiche dei porti dello Stato Pontificio. Secchi contribuì notevolmente a far circolare in Italia le idee di Maury sulla meteorologia dinamica, di cui è considerato fondatore. Lo stesso Secchi le applicò più volte, discostandosi tuttavia, in alcuni casi, dalle conclusioni cui era giunto Maury. Il rapporto di amicizia tra i due, nato durante il soggiorno di Secchi negli Stati Uniti, si protrasse fino alla morte di Maury e si estese anche alla sua famiglia. E’ curioso notare che proprio una discendente della famiglia Maury, Antonia Maury (pronipote di uno zio del meteorologo) perfezionerà la classificazione spettrale di Secchi presso l’Harvard College Observatory alla fine del XIX secolo.

Irene Pedretti, Pontificia Università Gregoriana
Ileana Chinnici, INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo